Comunicazione di uno spirito errante che cerca pace

da | 4 Febbraio 2022 | Comunicazioni da Esseri Immateriali, Esperienze spirituali, Reincarnazione, Scoprire il Divino Sé

* * *

Foto di stokpic da Pixabay

* * *

Come accennato nei miei articoli precedenti, dopo qualche tempo dall’inizio del mio cammino di ricerca spirituale, cominciai a ricevere, di tanto in tanto, messaggi da Esseri Immateriali, tra cui maestri disincarnati e anche spiriti di defunti. Generalmente si tratta di messaggi molto incoraggianti per l’Umanità.

Questa volta, invece la comunicazione è di uno spirito che racconta il suo pentimento per i gravi errori della vita appena trascorsa e manifesta la speranza di riscattarsi al più presto. Eccolo:

* * *

(…) Sono qui per dire due cosette per me molto pesanti. Quando io ero un uomo sulla Terra mi sono sbizzarrito a fare tutto ciò che volevo. Mi trovavo a seguire certi impulsi spregevoli. Mi sentivo padrone di me stesso, della mia vitalità e ne facevo scempio divertendomi con le ragazze e poi le lasciavo nel loro dispiacere. Mi divertivo e basta e a volte qualcuna diventò madre.
E vivendo senza lavorare, mi trovai anche a diventare un ladro per poter vivere. E per rubare, mi son macchiato pure di omicidio.
Accaddero tante altre cose per le quali soffro al solo ricordo. Mi diedi pure all’alcol e in stato di ubriachezza avvengono cose vergognose a dirsi. (…)
Nella mia vita mi sposai. Come si sa, spesse volte si viene a parole ed è facile abbrutirsi ancor di più, così arrivai a uccidere anche mia moglie. È questo che io ho fatto e sto soffrendo pene su pene e non mi libero mai. (…)
(…) dopo la mia morte, divenni uno spirito errante. Ero nello spazio senza destinazione alcuna. E non mi aspettavo nessun perdono, quindi ero triste e ansioso, e stetti in questo supplizio per molto tempo. Fino a quando mi vidi attorniato da altri spiriti che aiutano chi si trova in difficoltà. Mi fecero capire che se c’è un vero pentimento per le azioni compiute nella vita appena trascorsa, e si prega Dio di perdonarci, Egli è pronto ad aiutarci e così si mette fine alle sofferenze e ne viene un miglioramento.
Ecco perché sono pronto a un’altra vita sulla Terra. Ho deciso di pregare Dio che mi aiuti a dominare la mia debolezza per riparare ciò che ho fatto nella precedente incarnazione e migliorare così la mia condizione (…) Spero anche di far del bene agli altri e non essere più egoista e immorale. Nella prossima incarnazione voglio essere corazzato contro tutte le tentazioni.
(…) 
Se per caso fosse stato vero ciò che predica la dottrina cristiana, che Dio punisce con le pene eterne, io sarei stato il primo dei condannati ma per fortuna Dio è Misericordioso e ti dona una chance per purificarti da solo. E così si può venire qui ancora a riparare quello che si è sbagliato. La colpa è scaturita solo dalle mie imperfezioni, dalle mie passioni e in più ho agito e compiuto tutto per il cattivo uso che ho fatto delle mie facoltà mentali. Perciò non sono stato mosso da lucifero come dice la dottrina cristiana. Sono inammissibili queste teorie. Il Padre Celeste è giusto nella Sua Saggezza, Egli vede gli sforzi che uno spirito fa per migliorarsi. Ed è soprattutto nella vita terrena che lo spirito deve evolversi.
Ora provo una grande gioia perché quando verrò sulla Terra avrò sentimenti di umiltà, di serenità e voglia di non essere attratto da gioie mondane. Voglio avanzare rapidamente nella Via della Verità e avere amore per il prossimo. (…) Sei d’accordo Anna?”

Sì, e sono certa che Dio ti aiuterà.

Scrivo per te alcune belle parole di Sathya Sai Baba sull’argomento:

La vita è soltanto un film
e voi ne siete gli attori.
Dovreste attenervi alla parte che dovete recitare,
con un cuore libero da ogni attaccamento.
(…)
Troppe volte cercate di dare una spiegazione
a periodi della vita che non comprendete.
Dovreste farvi da parte, ammansire la mente
e permettere alla corrente Divina di permearvi,
di plasmarvi attraverso gli eventi, di fortificarvi,
(…)
Miei cari, siete così insicuri a volte, e questo
accade perché dubitate dell’Amore di Dio,
e non comprendete le ragioni per le quali
dovete passare attraverso il dolore.
Chiedete: “È proprio necessario?”
E io vi chiedo: “È necessario dubitarne?”
Ogni cosa che accade, è seguita
da un altro avvenimento.
Ogni cosa.
Non c’è un solo avvenimento della vostra vita
che non abbia in sé un motivo.
Se voi non lo capite è perché siete avvolti
nell’ignoranza e avete dimenticato
altre pagine e altre vite.
In verità vi dico che tutto ha motivo di esistere:
gioia e dolore, pace e tormento, buio e luce,
perché tutto non è altro che il susseguirsi
di ciò che ieri è stato.
Per questo dovete impegnarvi, almeno da ora,
ad affrontare la vita con serenità, condividendo
con gli altri la vostra gioia cercando
di migliorare il vostro carattere, orientandovi
ad un vita retta, scevra da disordine morale,
egoismo e falsità.
(…)
Siate in piena espansione d’amore e avrete
un grande amore a benedire la vostra vita. (…)”

Lo spirito disse: “Ecco perché voglio tornare qui, per imparare a vivere degnamente e devo comprendere anche l’unità con Dio.
(…)

Aggiunse inoltre: “Le pene eterne, grazie al Signore, non esistono. Anzi possiamo persino essere una cosa sola con il Creatore. (…) Mi sentivo condannato a questa tortura per l’eternità. Vedevo costantemente quel momento in cui commisi i delitti. (…) Ora la più grande aspirazione per me è la Realizzazione, che altro non è che l’Unione mistica con Dio, con il Sé Divino in noi. (…) Mi sento già lontano dalle mie pene e sono convinto che presto dovrò rinascere per non rinascere mai più. Questo ormai è il mio proposito principale”.

(…) Ti ringrazio, ora vado e spero che presto si avveri tutto. A risentirci!

Comunicazione di venerdì 17 gennaio 2014 ore 14. 20, Santo del giorno S. Antonio


Parlo di me

Ciò che ho sperimentato e compreso è talmente bello e importante che non posso tenerlo solo per me. Per questo ho deciso di condividere le mie esperienze spirituali. E se anche soltanto una persona, leggendo il blog o i miei libri, decidesse di intraprendere un cammino di ricerca interiore arrivando a provare la mia stessa infinita Gioia, avrò raggiunto l’obiettivo. La vita spirituale mi ha dato tutto, mi ha appagato completamente. Quando si ama intensamente Dio, non si desidera nient’altro e non si teme più nemmeno la morte. Il Padre, puro Amore, è la Grande Energia che permea l’Universo e noi non siamo altro che sue Scintille. Acquisirne la consapevolezza ci fa sentire completi e in armonia con il creato. Nel mio cammino, ho scelto la meditazione profonda perchè la considero una via diretta, ma ciascuno è libero di intraprendere la strada che gli è più consona.

Anna Gravinese

Archivi