Dio è la Grande Energia che permea gli Universi e l’Uomo è una Sua Scintilla

da | 9 Marzo 2022 | Scoprire il Divino Sé

Foto di LoganArt da Pixabay

* * *

In alcune religioni si immagina Dio nella forma di un uomo che ha creato tutto. In altre, invece, è pensato come la Grande Energia che permea gli universi. Come l’Assoluto, l’Uno, il Tutto.Io penso che l’idea di Dio come uomo, anche se utilizzata per comodità, non sia appropriata.Egli, infatti, è pura Energia, è immanente negli universi, è eterno, immutabile, onnipresente e onnisciente. Non è un essere pensante ma pura Consapevolezza.Si deve tener presente, inoltre, che non c’è stata una vera e propria creazione. Dall’Uno, infatti, tutto è scaturito, mondi e noi inclusi, come raggi di una Grande Luce. Col sol pensiero l’Uno ha dato vita agli Universi.Quindi, essendo emanata dall’Assoluto, l’anima non ha natura diversa da Lui, è una Sua Scintilla e pertanto della Sua stessa Sostanza.Perciò l’uomo è divino.Gli scienziati materialisti si sono fermati alla risposta che l’uomo è soltanto un animale progredito, frutto dell’evoluzione. La Chiesa ha detto che l’uomo è una creatura di Dio fatta a Sua immagine e somiglianza. Ma tutto ciò non è completo, manca la cosa più importante e cioè che l’anima ha natura divina in quanto scaturita dalla Grande Energia che è Dio.Non è semplice credere a tutto ciò. Con la razionalità non ci si convince e inoltre ci sentiamo indegni. Per giungere a esserne pienamente consapevoli occorre intraprendere un cammino di ricerca e adottare una disciplina spirituale che ci conduca a sperimentare direttamente Dio: io ho scelto la meditazione, che ritengo una via diretta, ma ognuno può individuare quella che gli è più consona.Ho letto parecchi libri all’inizio del mio cammino spirituale ma se non avessi avuto l’esperienza diretta non saprei nulla con certezza. Aveva ragione Teresa D’Avila di dire: “L’anima entra ignorante e ne esce dotta”, riferendosi a quando l’Anima si unisce a Dio. Soltanto l’esperienza mistica ci fa sentire vicino al Signore. Quando si raggiunge l’esperienza di Dio, non si desidera più nulla perché il Signore è tutto e non si teme più nemmeno la morte. Si vive nel mondo ma non si è più attaccati alle cose del mondo e si raggiunge la Felicità vera.Arrivare a trovarLo in noi è come un cammino di Dio verso Sé Stesso.Dobbiamo aprire la mente e ci abitueremo a poco a poco a queste idee stupende.Il mio desiderio più grande è che più persone possibili si incamminino alla ricerca di Dio, che non è altro che la ricerca di se stessi, del proprio Sé Divino; perché, come detto, Dio non è un Essere che sta in cielo, separato dall’uomo e dal mondo, ma è la Scintilla che anima tutte le forme di vita su questa Terra. Anna

Parlo di me

Ciò che ho sperimentato e compreso è talmente bello e importante che non posso tenerlo solo per me. Per questo ho deciso di condividere le mie esperienze spirituali. E se anche soltanto una persona, leggendo il blog o i miei libri, decidesse di intraprendere un cammino di ricerca interiore arrivando a provare la mia stessa infinita Gioia, avrò raggiunto l’obiettivo. La vita spirituale mi ha dato tutto, mi ha appagato completamente. Quando si ama intensamente Dio, non si desidera nient’altro e non si teme più nemmeno la morte. Il Padre, puro Amore, è la Grande Energia che permea l’Universo e noi non siamo altro che sue Scintille. Acquisirne la consapevolezza ci fa sentire completi e in armonia con il creato. Nel mio cammino, ho scelto la meditazione profonda perchè la considero una via diretta, ma ciascuno è libero di intraprendere la strada che gli è più consona.

Anna Gravinese

Archivi